Consorzio di Tutela Mela di Valtellina IGP

Territorio

Valtellina

La Valtellina è una vallata al confine tra Italia e Svizzera, nel cuore delle Alpi Lombarde
La Valtellina è orientata Est-Ovest ed a Nord è protetta dalle Alpi Retiche.
La morfologia pedologica attuale della vallata è il risultato di una serie di trasformazioni che hanno portato alla formazione della piana alluvionale del fiume Adda: i depositi alluvionali predominano sulle altre tipologie; si tratta di sedimenti recenti.

Il territorio valtellinese è dotato di caratteristiche pedoclimatiche particolari, quali l’altitudine, la latitudine e la conformazione orografica, che rappresentano elementi essenziali nella determinazione delle particolari condizioni di intensità e qualità della radiazione luminosa, dell’alternanza dei cicli di bagnatura/asciugatura dell’epicarpo dei frutti e dell’escursione termica giornaliera che determinano la qualità della Mela di Valtellina IGP.

I frutteti sono ubicati soprattutto sui conoidi di origine alluvionale, caratterizzati da un’elevata presenza di scheletro grossolano, permeabili, dove il ristagno idrico è praticamente assente e la reazione del terreno è subacida o acida. I tre conoidi principali interessati dalla frutticoltura sono quelli di Ponte in Valtellina, Bianzone e Sernio.

Godono di una buona illuminazione e  di una ventilazione particolare, che infatti risente del fenomeno del Föhen, un vento caldo e secco che causa impennate della temperatura e cali dell’umidità dell’aria e della Breva, vento che spira dal lago di Como. A livello climatico sono infine importanti le brezze (di monte e di valle), fenomeni legati al diverso riscaldamento dei versanti.

Il clima di cui gode la vallata è dunque molto mite con una piovosità media annua che si attesta intorno ai 1000 mm. Questa esposizione è favorevole alla coltivazione della mela, che si concentra soprattutto sul versante esposto a Sud. La pendenza media è dello 0,5%, mentre i conoidi hanno pendenze medie del 10-15% con punte che arrivano anche al 30%. La zona di coltivazione ha un’altimetria che parte dai 200 metri e giunge fino a 900 metri sul livello del mare;
L’areale di produzione della “Mela di Valtellina” risulta di particolare vocazionalità per conferire alti contenuti qualitativi alla mela.