Consorzio di Tutela Mela di Valtellina IGP

Prodotti

Processo Produttivo

JW Player goes here


I produttori conferiscono direttamente la mela di Valtellina ai  trasformatori riconosciuti dall’ente  certificatore in appositi cassoni. Dopo la pesatura ogni cassone viene contrassegnato con una  apposita etichetta che contiene tutte le informazioni che garantiscono la tracciabilità dei frutti al consumatore e permette di individuare la provenienza di ogni singola mela durante tutte le fasi di lavorazione e commercializzazione. Nella fase di cernita le mele vengono scelte e solo le migliori possono fregiarsi del marchio IGP Mela di Valtellina.
Le mele vengono conservate in celle frigorifere nelle quali sono costantemente monitorati i valori di temperatura e umidità, necessari per mantenere nel lungo periodo la qualità organolettica dei frutti.
La conservazione della “Mela di Valtellina” avviene nella zona di produzione delimitata per garantire la rintracciabilità ed il controllo.

I frutti sono poi confezionati utilizzando appositi imballaggi che riportano chiaramente la dicitura “Mela di Valtellina” Indicazione Geografica Protetta o il suo acronimo IGP, con dimensione prevalente su ogni altra dicitura presente, sulle confezioni sigillate o sui singoli frutti.
Laddove sia presente la bollinatura dei singoli frutti essa non può interessare meno del 70 % dei frutti presenti in confezione. Qualora non sia presente la bollinatura dei singoli frutti dovranno essere utilizzate confezioni chiuse e sigillate.

Durante l’anno l’ente certificatore vigila sul corretto adempimento degli operatori riconosciuti della filiera della Mela di Valtellina IGP effettuando controlli e prelievi di prodotto per garantire il raggiungimento degli standard di qualità previsti dal Disciplinare di Produzione.